Manifestazione sabato 10 e domenica 11 settembre 2011 a Roma (Piazza San Giovanni)

da letteraviola.it:

http://letteraviola.it/2011/08/stiamo-facendo-una-cosa-importante-piazzeremo-le-tende-a-roma-leggere-e-diffondere/

cit:

Stiamo facendo una cosa importante, piazzeremo le tende a Roma – Leggere e diffondere

Stiamo provando a fare una cosa importante, mai vista in Italia, straordinaria come il momento politico che il nostro Paese sta attraversando. Ci incontreremo a Roma, ad inizio settembre, a piazza San Giovanni e lì costruiremo un accampamento civico, un presidio di democrazia e di partecipazione a due passi dal Palazzo sordo e ottuso: pianteremo le tende, i gazebo (così come sta avvenendo in altri paesi d’Europa) e tutto ciò che serve per rendere la piazza un luogo ospitale per tutti quelli che da ogni parte d’Italia verranno a Roma a confrontarsi, a condividere proposte e progetti ma anche ad organizzarsi in vista dell’autunno più grave e impegnativo della storia della Repubblica. Staremo lì (almeno) due giorni: sabato 10, giorno in cui sfileremo in corteo per le strade di Roma contro la manovra, contro i privilegi della Casta e per le dimissioni del governo, e domenica 11 settembre. Assieme  a noi ci saranno anche tanti esponenti della cultura, della scienza, del giornalismo, figure di grande statura morale come Dario Fo e Margherita Hack, Antonio Tabucchi, Marco Travaglio, Paolo Flores D’Arcais che hanno aderito all’appello. Utilizzeremo ogni momento di questo grande appuntamento, anche la notte, per discutere dell’Italia che vogliamo e per cacciare il governo che non vogliamo. Occorre, da subito, mobilitarsi e mobilitare per fare del 10-11 settembre un appuntamento storico che preluda ad un cambiamento vero, alla liberazione dell’Italia da questo governo di corrotti e di incapaci che sta portando il Paese alla rovina. Non avremo altre occasioni.

Il popolo viola

Vi chiediamo di sostenerci condividendo e diffondendo questo post

Per info o adesioni la nostra mail è questa: facciamopiazzapulita@gmail.com

Annunci

18 Responses to “Manifestazione sabato 10 e domenica 11 settembre 2011 a Roma (Piazza San Giovanni)”


  1. 1 Monica Sozzi 17 agosto 2011 alle 20:01

    Ci saro’.

  2. 3 anna 23 agosto 2011 alle 06:38

    Che voi sappiate partiranno dei bus da Torino?

  3. 5 Paola Russo 25 agosto 2011 alle 07:02

    Mobilitiamoci !!!! Ora !!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. 6 Jonni Perozzi 27 agosto 2011 alle 09:52

    Ora basta.. Andiamo tutti a Roma a farci sentire!!!

  5. 7 marcy 30 agosto 2011 alle 14:43

    perfect…..

  6. 8 annalisa 30 agosto 2011 alle 21:18

    Se non ora quando?
    Annalisa

    • 9 silvana 4 settembre 2011 alle 11:38

      SI, ALLA MOBILITAZIONE. IO PURTROPPO NON POTRO’ ESSERCI MA HO QUALCOSA DA DIRE. IL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’ GOVERNO E OPPOSIZIONE HANNO FATTO PRESTO A FARLO SPARIRE VERGOGNA !! PAGAVA PER TRE ANNI NON PER SEMPRE) CI PERCEPISCE OLTRE I 90.000,00 EURO LORDI ..MA SU QUELLO CHE ECCEDE I 90.000,00 ED ERA ANCHE DETRAIBILE IN DICH.NE REDDITI VERGOGNA !! ADESSO SONO A CACCIA DEI CONTRIBUENTI CHE NON HANNO PAGATO IL CONDONO TOMBALE DEL 2002 PER COMPENSARE IL CONTRIB. SOLIDARIETA’!!!MAGARI TROVERANNO DITTE CHIUSE E PERSONE NULLATENENTI. MA A GOVERNO E OPPOSIZIONE NON E’ VENUTO IN MENTE DI PRENDERE SOLDI FRESCH I – QUELLI DI CUI ABBIAMO BISOGNO – DAI SOVVENZIONAMENTI AI PARTITI?? RICEVONO ANCORA QUELLI CHE NON SI SONO PIU’ TIPO FORZA iTALIA, ALL.NAZ.IONALE, LA MARGHERITA !!! RIDURRE I FONDI AI GIORNALI ? E POI I VITALIZI AI POLITICI, LA CORRUZIONE POLITICA. MILANESE IL BRACCIO DX DI TREMONTI CHE PRENDE 100 E SPENDE 200 E TREMONTI NON SI ACCORGE DI NULLA?? PENATI ALTRO BRACCIO DX MA DI BERSANI ANCHE QUI NON CI SI ACCORGE?..NON MI BASTA PIU’ NON CI CREDO PIU’ CHE NESSUNO NON SI ACCORGA DI NULLA. TRA LE PROPOSTE DI CAMBIO DELLA COSTITUZIONE METTERI SUBITO L’IMPEACHMENT PER IL CAPO DEL GOVERNO, E MINISTRI. CI SAREMMO LIBERATI DELL’INNOMINABILE ATTUALE DA TEMPO LUI CHE HA POTUTO UMILIARCI COSI’ TANTO PERCHE’ UNA OPPOSIZIONE NON HA SAPUTO O VOLUTO FARE UNA LEGGE CHE IMPEDISSE LA SUA ELEZIONE CON TUTTO IL SUO POTERE/PATRIMONIO. E MI PARE CHE PAGHIAMO MILIARDI ALL’ANNO PER LA FIGURA DI UN CAPO DELLO STATO CHE OLTRE A DISCORSI DAGLI ALTI CONTENUTI IDEALI NON PUO’ FARE. ABBIAMO BISOGNO DI FATTI E INVECE TUTTI PARLANO DA ANNI E SONO ANCORA TUTTI LI’ RICICLATI DALLA PRIMA REPUBBLICA -PARLANO I I POLITICI, I GIORNALISTI, GLI OPIONISTI SONO ESPERTI DI TUTTO VOGLIONO SPIEGARCI TUTTO SONO PAGATI BENE MA TUTTI SEDUTI COMODAMENTE SUI NOSTRI PROBLEMI VERI E DRAMMATICI UNO SU TUTTI GIOVANI SENZA FUTURO. CI HANNO MANGIATO TUTTO

  7. 10 Myosotis Le Fate 7 settembre 2011 alle 22:05

    peccato!!…la sardegna è troppo lontana da voi, mi sarebbe piaciuto essere li’ con voi

  8. 11 Francesco 7 settembre 2011 alle 23:35

    Arrivo in treno da Genova apposta per questo! Spero che in tanti facciano come me, a sabato =D

  9. 12 maria grazia 10 settembre 2011 alle 00:17

    Sono vedova. Ho fatto sacrifici per far laureare due mie figlie oltre a corsi di specializzazione vari: ma il lavoro? Non possiamo continuare così. Quale sarà il loro futuro? E se un giorno non dovessi più esserci io che con la mia misera pensione cerco di farle vivere decorosamente cosa accadrà? E se ancora una dovesse lavorare e poi essere licenziata da un datore di lavoro disonesto che potrà avvalersi della cancellazione dell’art. 18 cosa ne sarebbe di lei se nel frattempo avesse messo su famiglia? Se i giovani non lavorano si ferma del tutta l’economia del paese: i mutui per la casa non verranno più accesi; le banche avranno gravi perdite; non verrranno più costruiti palazzi e la manodopera arriverebbe alla fame; mobili per la casa non più acquistati quindi negozi, grandi catene di tutto ciò che occorre per abitare non esisterebbero più quindi commessi, impiegati, datori di lavoro avrebbero lo stop e potrei seguitare l’elenco per ore. Ma sono loro (i nostri governanti)a dover rispondere ma non vogliono farlo perchè la meta è quella di avere un popolo soggiogato, ricattato, povero e affamato che li legittimi a fare di noi quel che vogliono. Forza ragazzi fate vedere chi siete e anche noi mamme (ex ’68) vi aiuteranno. Partecipate! E’ per il vostro bene. Facciamo “PIAZZA PULITA”

  10. 13 maria grazia 10 settembre 2011 alle 00:25

    COMMENTO ORE 00,17 10/9 forse indirizzo mail errato che ripeto:

    mgvgothic@yahoo.it

  11. 14 Red 30 settembre 2011 alle 08:44

    Se è vero che non sono graditi simboli politici non ci sarò. Anzi, sarei pronto a manifestare contro questa visione antidemocratica. Quando ci si esprime socialmente e politicamente è un diritto manifestare la propria identità ed appartenenza! Ognuno deve essere libero sia di sventolare la propria bandiera sia di non averne, ma non deve imporre ad altri le proprie scelte!!
    Spero che quel che mi è arrivato non sia vero…

  12. 15 webmaster 30 settembre 2011 alle 12:03

    @ Red:
    Non penso che il problema siano i simboli, ma una elaborazione intellettuale che ci consenta di individuare le cause della crisi e anche i rimedi. Quindi non facciamo il solito errore di essere 3 persone e 4 partiti che il problema non è dividersi, ma unirsi, come ci si unirono tutte le forze democratiche -pur con idee non identiche- per cacciare il nazi-fascismo. Anzi la molteplicità delle nostre idee deve essere la nostra vera forza che si baserà -se avrà successo- su una *forza intellettuale* e non su una forza fisica, che sarebbe una trappola per fare fallire il progetto democratico di dare una prospettiva alle sorti dei beni comuni a tutti gli italiani, ma anche a tutti i popoli che hanno diritto di vivere in pace e senza essere sopraffatti. Abbiamo diritto a riaffermare i diritti fondamentali dell’uomo e di tutte le specie viventi. Non è quindi un peccato avere una maglietta viola, o rossa o una bandiera di qualunque colore *purché si cerchi il dialogo* e non la sopraffazione. I simboli hanno i contenuti che noi sappiamo dargli. E la emarginazione non nasce dal colore della pelle e/o di una bandiera. Nasce dalle questioni di sostanza come non dare più assistenza sanitaria ai malati, o insegnanti di supporto ai portatori di handycap. La situazione è troppo grave per dividersi su questioni di forma. Dobbiamo ragionare di questioni di sostanza. Vi do -se vi interessa apporfondire e contribuire al profilo politico- quanche link:

    http://partitoviola.wordpress.com/2011/09/30/su-chi-volesse-partecipare-alle-manifestazioni-del-15-ottobre-2011-progetto-maglietta-viola-no-violenza/

    http://partitoviola.wordpress.com/greenbacks/

  13. 16 Fabio 2 ottobre 2011 alle 22:10

    Ok… Grazie per la risposta ed i link!

  14. 17 PAOLA 13 ottobre 2011 alle 11:36

    finalmente ragazzi siete usciti fuori gridate anche per me, una mamma che a 40anni ha lasciato il lavoro per seguire i bimbi piccoli senza aiuto da servizi d’infanzia(perchè lo stato non esiste) ma asili privati con costi improponibili.il punto è questo lo dice la costituzione la repubblica fondata sulla famiglia e sul lavoro.aiutiamo la famiglia, aiutiamo le donne, che sono iil pilastro della famiglia;possibilità di lavoro part- time detassati, se aiutate le donne si alza il tasso di crescita,l’istruzionee di conseguenza si muove il mondo del lavoro.AIUTATE LA FAMIGLIA!!!!!!!!

  15. 18 baba 16 ottobre 2011 alle 21:34

    siamo con voui…….arabi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Calendario

agosto: 2011
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Flickr Photos

Selsey Life Boat Station

Petit azuré

Fallen

Altre foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: